Delicious Colors: mostra di Shinya Sakurai presso la galleria Albanese Arte

Delicious Colors: mostra di Shinya Sakurai presso la galleria Albanese Arte

Fino al 30 gennaio 2022 la galleria Albanese Arte ospita la mostra personale dell’artista giapponese Shinya Sakurai, dal titolo “Delicious Colors”.

La mostra rappresenta un gradito ritorno a Matera per l’artista: nel 2012, Shinya Sakurai espose sue opere a Matera in occasione della mostra “Love Pool”; l’anno successivo tornò in città per incontrare un gruppo di collezionisti proprio presso la galleria d’arte Albanese, che adesso ospita questa nuova esposizione.

Le opere esposte sono state realizzate appositamente per Delicious Colors: forte è il legame che l’artista Giapponese  mantiene con la città di Matera e con i galleristi Angelo e Alessandro Albanese, tanto da accettare l’invito a partecipare alla sua seconda personale nella città di Matera, con circa venti lavori su tela.



Delicious Colors: recensione di Francesco Poli

Anche se apparentemente sono di immediata e fresca fruibilità decorativa, le pitture di Shinya Sakurai non sono di così facile lettura come sembrano a prima vista. Se le osserviamo con calma e attenzione, se lasciamo che il nostro sguardo venga coinvolto nelle fitte textures che ricoprono senza soluzioni di continuità tutto lo spazio delle tele, veniamo progressivamente coinvolti in una irridescente dimensione di vibrante tensione quasi ipnotica, da un raffinato e complesso gioco di combinazioni cromatiche seriali e allo stesso tempo sottilmente variate.

Formalmente le unità di base sono dei piccoli tasselli di colore, un nugolo di semplici configurazioni segniche/pittoriche in stretta interconnessione fra loro come pezzi di un puzzle o come agglomerati ordinati anche se sempre in qualche modo fluttuanti.

Le composizioni hanno, nel complesso, colorate valenze astratte geometrizzanti, ma in molti casi sono costituite da sintetici elementi iconici e simbolici che animano con significati più profondi la dialettica pittorica di superficie.

Per lui l’arte deve essere un mezzo per trasmettere in modo suggestivo un messaggio di speranza in un mondo migliore, una visione poetica che inneschi in chi guarda i suoi quadri un senso di serenità e di felicità. Il suo è un ben cosciente ottimismo della volontà, non una facile e gradevole proposta estetica.

Ed è per questo che dei cicli dei suoi quadri hanno titoli come Love and Peace, e United Colors, che fanno eco allo slogan delle battaglie pacifiste degli anni Sessanta, e alla famosa campagna pubblicitaria con le foto di Oliviero Toscani per Benetton.

A questo proposito si può dire che, per certi versi, la ricerca di Shinya è indubbiamente legata alla dimensione pop, sia pure con connotazioni abbastanza particolari. Ma per altri versi la possiamo anche collegare, in qualche modo, a un’altra tendenza altrettanto rilevante, e cioè a quella minimalista anche se da intendersi in chiave non freddamente rigorosa ma ludicamente postmoderna.

Per quello che riguarda i possibili riferimenti molti sono gli artisti che vengono in mente, da Larry Poons a Alighiero Boetti, da Yayoi Kusama a Damien Hirst, ma nessuno di questi appare come un’influenza determinante. Per fortuna Shinya Sakurai assomiglia soprattutto a se stesso.




Biografia di Shinya Sakurai

Nato ad Hiroshima nel 1981, Shinya Sakurai è un artista giapponese che vive e lavora tra Tokyo e Torino.

In gran parte delle sue opere confluiscono la cultura giapponese e quella occidentale, adoperando diverse tecniche.

L’artista esprime una forte influenza pop, deducibile dall’utilizzo della forma del cuore, uno dei simboli più ricorrenti nei suoi lavori, che ne indica anche l’aspirazione a un mondo senza conflitti né violenza.

Con le sue opere, Shinya Sakurai invita lo spettatore a riflettere sul ruolo delle immagini che, dietro un’apparente semplicità, nascondono significati profondi.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

ti potrebbero interessare i seguenti articoli

Lascia un commento