Lo scorso 2 giugno il MUdeSCAMuseo dello Scavo di Matera ha aperto le sue visite al pubblico. Con questa nuova apertura si arricchisce l’offerta culturale della città dei Sassi e si introduce un ampio pubblico di visitatori alla conoscenza della storia materana.

Si tratta di un micro attrattore dedicato all’evoluzione dell’uomo attraverso lo scavo dei luoghi. Situato a ridosso del Sasso Barisano, il MuDeSca presenta tutta la ricchezza degli ambienti che evocano le epoche del passato: dall’età in cui si insediarono nei Sassi i primi nuclei abitativi alla semplicità della vita contadina di alcuni decenni fa, ma anche per la varietà e ricchezza del percorso in cui i visitatori sono immersi.

Il percorso del museo nasce per indagare l’arte e le pratiche di scavo che danno origine a paesaggi, architetture e civiltà ipogee nel corso dei secoli. Colori, profumi, suoni d’altri tempi e superfici sconosciute al tatto, sono i tratti distintivi che si fondono in un’atmosfera magica.

La realizzazione di questo museo è stata possibile grazie al duro lavoro di Giuseppe Ciarfaglia e del suo staff, con l’obiettivo di rendere questa struttura un punto di riferimento per gli amanti della storia evolutiva dell’uomo nel sito di Matera patrimonio dell’Unesco.