Un nuovo progetto museale sta nascendo nella nostra città: mercoledì 5 agosto 2020, alle ore 18, presso la piazza antistante la chiesa di San Pietro Barisano, nei rioni Sassi, sarà presentato il progetto “MuDiMatera – Museo Digitale Matera”, realizzato per garantire la fruizione accessibile del patrimonio storico e artistico della città anche a soggetti con disabilità, attraverso l’installazione di specifici sussidi multimediali.

Il progetto è promosso dalla Coop. Oltre l’Arte, finanziato dalla Fondazione CARICAL, con la collaborazione di Fondazione Matera 2019, Associazione Volontariato Materano e CSV Basilicata.

Salutiamo con piacere questa nuova iniziativa volta a promuovere l’accessibilità dei musei di Matera e di altri luoghi di interesse storico e artistico della città; un’iniziativa che si aggiunge, fra l’altro, a quella dello scorso anno proposta da Casa Noha per l’accessibilità del bene FAI anche a persone con disabilità intellettive.

Il percorso delle Chiese accessibili

Grazie al progetto MuDiMatera sono stati inseriti particolari supporti per permettere la piena fruizione dei luoghi a qualunque visitatore, agevolando l’acquisizione delle informazioni e dei contenuti specifici.

Si è creato un percorso delle Chiese accessibili, che comprende:
• Chiesa rupestre di San Pietro Barisano;
• Chiesa rupestre di Santa Lucia alle Malve;
• Chiese rupestri di Santa Maria de Idris e San Giovanni in Monterrone;
• Chiesa Cattedrale.

Obiettivi e azioni previste dal MuDiMatera – Museo Digitale Matera

Il progetto MuDiMatera prevede la realizzazione di un percorso accessibile che coinvolge diverse chiese rupestri della città dei Sassi: In ognuno dei siti, infatti, vi sarà la presenza di un pannello informativo multisensoriale e multimediale, raffigurante l’edificio e le sue caratteristiche distributive. Ciascun pannello integra più livelli di comunicazione e fruizione – visiva, tattile, uditiva – per comunicare in modo semplice ogni luogo interessato a un pubblico il più possibile ampio, comprensivo anche delle persone con difficoltà sensoriali (ciechi, ipovedenti, sordi, ipoacusici, anziani).

Un breve testo in italiano, inglese e braille fornisce le informazioni essenziali sull’edificio. Mediante QR Code e tag NFC è inoltre fornita una guida audio-video in italiano, inglese e LIS (Lingua dei Segni Italiana) che approfondisce i contenuti storico-artistici, accompagnando nell’esplorazione tattile del pannello e nel percorso di visita.

Visione immersiva, realtà aumentata e modelli 3D

Nella Chiesa di San Pietro Barisano e presso la Chiesa di Mater Domini, unici siti accessibili alle persone con difficoltà motorie, sono installati dispositivi per la visione immersiva dei modelli 3D, ruotabili a 360° delle chiese comprese nel percorso. Attraverso una visione virtuale e immersiva si ha l’immediata comprensione delle volumetrie delle chiese rappresentate e, grazie all’utilizzo di specifici software di riproduzione, si ha la loro realistica fruizione.

I modelli sono fruibili tramite visori che consentono la piena navigabilità dei siti e la loro esplorazione, offrendo un’esperienza unica e quanto mai realistica, con l’ausilio di maxi schermi interattivi touchscreen che consentono di visionare i modelli 3D secondo il proprio interesse e diversi livelli di approfondimento delle informazioni.