Al MUSMA “Il Tempo Se Ne Va” con Giovanni Gaggia

Giovanni Gaggia_IL TEMPO SE NE VA_MUSMA 2021 Ph Michele Alberto Sereni

Sabato 11 dicembre 2021, alle ore 18, in occasione della XVII Giornata del Contemporaneo promossa da AMACI, il MUSMA inaugura Il Tempo Se Ne Va, mostra personale di Giovanni Gaggia.

Maturata in un periodo lungo e inatteso e caratterizzata da un allestimento diffuso negli spazi di Palazzo Pomarici, la mostra somma e intreccia riflessioni e confronti, a contatto con una realtà in tumultuoso divenire, dietro e dentro le quinte di una città, Matera, antica e solo apparentemente immutabile.

Come nasce la mostra di Gaggia

Il Tempo Se Ne Va nasce dopo due anni di gestazione in cui l’artista ha dialogato a distanza con i curatori, trovando un primo compimento nella Residenza-Studio di maggio – giugno 2021, in cui Gaggia ha guidato il danzatore Paolo Rosini nella costruzione di una performance presentata nella sala 4 del MUSMA il 14 luglio 2021 alle 20.21, ora del tramonto. Artista sciamano, artista faber, Gaggia ha diretto molteplici figure nella creazione di un percorso in cui il visitatore si trova continuamente a scomporre e ricomporre immagini, oggetti, parole, suoni e punti di vista, in una trama che dalla profondità più riparata e nascosta delle grotte della città di Matera si dipana verso la luce e gli spazi che la sovrastano e le danno respiro.

Sabato 11 dicembre, alle 17, sempre al MUSMA si terrà una replica della performance di Paolo Rosini.



Il percorso della mostra

Il percorso di visita, scandito da cinque parole – chiave (Spiritualità, Danza, Traccia, Corpo, Memoria), parte dal piano terra del MUSMA dove sono esposti nove aghi. L’ago, strumento che sutura e ripara, ricama e restituisce, torna, poi, nella parte più antica di Palazzo Pomarici, circondato da voci risonanti: il sound diffuso nel III ipogeo è quello creato da Pietro De Ruggieri per la performance di luglio, partendo dal rosario recitato da alcuni membri dell’Associazione Volontari Open Culture 2019.

Al piano superiore, la sala 1, dal cui balcone spiccano due bandiere stampate con le parole di Pier Paolo Pasolini e di Joseph Beuys, accoglie il prezioso anello-scultura del designer Fabrizio Bonvicini. Il tappeto danza, segnato da fasce color oro e dalle orme dei passi di Paolo Rosini, si snoda nella sala 4 dell’edificio seicentesco.

Le immagini e i video della performance, realizzati dal fotografo Michele Alberto Sereni con la collaborazione di Natascia Giulivi sono installati nelle sale successive: il corpo di Rosini si fa scultura tra le sculture, architettura emotiva, assorbe e dilata lo spazio nel silenzio antico e carico della Murgia materana. Infine gli arazzi, ricamati dalle sapienti mani dell’artista e di alcune donne materane chiudono un vero e proprio racconto sul Tempo, del Tempo, dei Tempi.

La mostra sarà visitabile fino al 27 marzo 2022.

I commenti dei curatori

“La sua non è arte che insegna – scrive Tommaso Evangelista – o peggio ancora trasfigura, bensì arte che aiuta e cura perché rende lo spazio pubblico luogo privato della consapevolezza. La verità che Giovanni ricerca non è trasmissibile, perché è un sapere dell’anima, ed allora si carica di segni minimi di contatto e partecipazione”.

Scrive Simona Spinella: “C’è un tempo popolare che sta nella scelta di citare Adriano Celentano che con la sua Il tempo se ne va diventa – come afferma lo stesso artista – più universale di qualsiasi poesia, almeno nell’oggi. Il tempo spirituale che sta nella provenienza del legno di Bosso di cui è fatta la micro-scultura, l’anello/rosario; il tempo intellettuale che sta nella verità del corpo, nella nudità interiore nell’attimo presente di Paolo Rosini; il tempo sonoro che Pietro De Ruggieri ha composto mettendo insieme le voci recitanti della comunità, i suoni della terra e il frammento di una supplica”.

Giovanni Gaggia – Cenni Biografici

Giovanni Gaggia nasce nel 1977 a Pergola (PU), dove tutt’oggi vive e lavora.

Nel 2008 fonda Casa Sponge, luogo di accoglienza e rifugio di artisti.

Nel 2016 pubblica il libro Inventarium, presentato in molte istituzioni italiane. Ha partecipato a mostre personali, collettive, progetti di residenza e conferenze su tematiche sociali e politiche. Le sue performance sono state presentate in teatri, gallerie e festival.

Nel 2019 apre con una sua performance il padiglione di Beverly Pepper, collaterale della 58a Esposizione Internazionale d’Arte – La Biennale di Venezia.

Nel 2020 inizia con il MUSMA il laboratorio COMPLEX APARTMENT; per lo stesso museo realizzerà l’opera Stanze complesse, immagine scelta per la XVI giornata del contemporaneo promossa da AMACI – Associazione dei Musei d’Arte Contemporanea Italiani.

Una delle quattro cover di ESPOARTE 110 per festeggiare i vent’anni della rivista è a lui dedicata.

Dal 2021 il Museo Tattile Statale Omero di Ancona ospita in permanenza un suo progetto a più voci dal titolo QUELLO CHE DOVEVA ACCADERE: ovvero l’arte come memoria civile. Nello stesso anno esce per la collana Effusioni di Gusto, Maretti editore, Mauro Uliassi incontra/meets Giovanni Gaggia.

Dal 30 ottobre 2021 il Museo della Ceramica di Savona ospita la sua personale “Ho visto un’alba blu.




Informazioni su costi e orari di ingresso della mostra

Visita alla mostra temporanea e alla collezione: € 7.00 (intero) | € 4,50 (ridotto).
Apertura: dal martedì alla domenica, dalle ore 10.00 alle ore 18.00.
Giorno di chiusura: lunedì (eccetto festivi).

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

ti potrebbero interessare i seguenti articoli

Lascia un commento