Dopo un lungo periodo di chiusura, torniamo finalmente a respirare aria di cultura e storia grazie all’apertura dei nostri amati musei.

Un altro appuntamento da non perdere sono di sicuro le Giornate FAI di Primavera 2021, uno degli appuntamenti più interessanti nel panorama culturale e turistico in Italia, che si terranno nei giorni 15 e 16 maggio.

I musei materani da visitare durante le Giornate FAI di Primavera 2021

A Matera i luoghi aperti in occasione delle Giornate FAI di Primavera 2021 saranno diversi, alcuni anche in via del tutto straordinaria. In particolare, saranno i musei interessati dall’iniziativa:

Scopriamo i singoli tour che riguardano i musei materani appena citati e le date in cui saranno effettuati.

Museo Nazionale di Matera

Sabato 15 maggio 2021, dalle 10:00 alle 18:00
Domenica 16 maggio 2021, dalle 10:00 alle 18:30

Il Museo Nazionale di Matera è di recente istituzione: nasce, infatti, con il DPCM 2 dicembre 2019 n.169 ed esprime in maniera compiuta il “genuis loci” della città dei Sassi, che proprio nel 2019 ha vissuto il suo anno da Capitale Europea della Cultura.

Ingresso del Museo Archeologico Ridola di Matera

Ingresso del Museo Archeologico Ridola – Museo Nazionale di Matera

Il Museo Nazionale di Matera mescola in un’anima sola il Museo Archeologico Nazionale Domenico Ridola, istituito nel 1911, che custodisce pregevoli testimonianze dalla preistoria all’arte greco-romana, e il Museo Nazionale di Arte Medievale e Moderna della Basilicata, nato nel 2003, che si articola in tre sezioni: Arte del territorio, Collezione Camillo d’Errico, Arte contemporanea con le opere di Carlo Levi e Luigi Guerricchio.

Vai alla scheda completa del tour sul sito del FAI >>

Casa Noha

Sabato 15 maggio 2021, dalle 10:00 alle 19:00
Domenica 16 maggio 2021, dalle 10:00 alle 19:00

Immersa nei Sassi, una casa diventa luogo della conoscenza e della memoria di una storia millenaria, quella della città di Matera, scritta su una roccia friabile e porosa come il tufo. A due passi dal Duomo, nella parte alta del Sasso Caveoso, una delle due depressioni naturali che caratterizzano Matera, Casa Noha si propone come cancello di ingresso alla città.

Casa Noha

Casa Noha – Interni

Durante la visita sarà trasmesso il video “I sassi invisibili” della durata di 30 minuti, un viaggio multimediale straordinario nella storia di Matera, ideato da Giovanni Carrada e proiettato su pareti, soffitti e pavimenti delle stanze, che offre al visitatore una ricostruzione completa della storia delle città dalle origini ad oggi.

Vai alla scheda completa del tour sul sito del FAI >>

La Torre del Capone e il nuovo TAM

Sabato 15 maggio 2021, dalle 09:30 alle 18:00
Domenica 16 maggio 2021, dalle 09:00 alle 18:00

Nel 1973 Camilla Motta acquistò da privati la Torre del Capone, bastione appartenente alla cerchia muraria sorta dopo il popolamento del Sasso Caveoso.

Torre Capone - TAM

Una bella veduta della Madonna de Idris da Torre Capone

Il nome di Capone può essere una deformazione di Carbone, come scrive il canonico Nicolò Domenico Nelli nella sua “Cronaca” pervenutaci in una pergamena del 1382. La torre è stata testimone di innumerevoli modifiche e di una costante stratificazione, fino al suo completo riempimento avvenuto verosimilmente nel XIX secolo, ciò che ne rende molto complessa la lettura storica. Anche oggi è quasi impossibile svuotarla dai detriti.

Gli spazi intorno alla torre, di proprietà privata, sono rimasti abbandonati per molti anni fino a quando nel 2017 è cominciato il disboscamento del verde selvatico e il successivo restauro e risanamento conservativo con l’obiettivo di trasformare l’area nella sede del TAM – Tower Art Museum, un museo di arte contemporanea che porterà nuove produzioni artistiche all’interno di un contesto storico e unico.

Vai alla scheda completa del tour sul sito del FAI >>

Maggiori informazioni su modalità di prenotazione e visita

Per maggiori informazioni relative alla fruizione dei beni in occasione delle Giornate FAI di Primavera 2021 a Matera, vi invitiamo a visitare la pagina dedicata sul sito del FAI nazionale.